è da bere…

ASSISTENZIALISMO? NO GRAZIE. MI MANTENGO CON IL MIO GENIO
Come possono 6 ragazzi autistici inventare l’etichetta per una bottiglia di vino? È semplice: fanno un brain storming! Domanda: “ragazzi cos’è il vino?”. Risposta: “è da bere”.

È da bere, fine della discussione, ecco il concept! L’autismo funziona anche così, rende speciale ciò che potrebbe sembrare scontato: ma è mai
esistito prima un vino con questo nome? Pensateci, magari mentre ne sorseggiate un calice.


Nasce così la prima etichetta da vino realizzata da ragazzi autistici. Una Barbera d’Alba DOC anno 2015 Ermanno Costa Cascina Spagnolo. Una bottiglia con un’etichetta speciale proposta in tiratura limitata, 150 bottiglie, in occasione della giornata mondiale sull’Autismo.

L’autismo con Facciavista dice stop al pietismo e all’assistenzialismo.
“L’arte non riproduce ciò che è visibile ma rende visibile ciò che non sempre lo è. “ ( Paoul Klee) L’arte è un modo per far sì che tutti abbiano le loro opportunità di vita e soprattutto di espressione.

Molto importante è non dimenticare di quanto l’arte, in tutte le sue forme di espressione, sia un ponte tra le anime e la realtà, che permette di riportare su una tela, un foglio, i propri pensieri e i propri sogni.


Con l’associazione Facciavista vogliamo che i nostri ragazzi con spiccate doti artistiche, riescano, grazie al loro “GENIO”, a crearsi un lavoro perché il “dopo di noi” sia adesso! Possono essere persone autonome produttive e membri della società. Non vogliono essere “pesi morti o problemi da risolvere” ma vorrebbero, almeno quelli che ne hanno la possibilità nonostante il loro essere autistico, LAVORARE.

Solo così potranno essere e sentirsi persone prima che disabili
Il progetto Facciavista è questo!


Associazione Facciavista Onlus
www.facciavista.com facciavistaonlus@gmail.com

Copyright © FACCIAVISTA 2018